bandiera italiana

Non c'è tre senza quattro

verkita de Daniele BINAGHI, je sabato 15/05/2010
Non c'è tre senza quattro

Era solo l'anno scorso che il progetto RoMEo, nato ufficialmente con la pubblicazione di Rat-Man in esperanto, squarciava le tenebre per dare alle stampe "La reĝo de la teroro", albo a fumetti contenente la prima storia di Diabolik.

Dodici mesi sono passati, ed ora l'incredibile - che persino la mente del più fantasioso fumettista del mondo non si sarebbe potuto immaginare - è avvenuto: arrivano assieme ben due nuovi fumetti! Due! Avete letto bene! Due, mica bue, che poi ci si incasina e va tutto in vacca...

Il primo, che poi della serie è il terzo (giusto per aggiungere un po' di confusione con i numeri... anzi, per fare conto tondo aggiungo un bel 42, che ci fa sempre la sua bella figura), è dedicato ad un altro personaggio importantissimo ed amatissimo della storia del fumetto italiano: Lupo Alberto. Dalle prime, primissime strisce, ridisegnate dall'autore alcuni anni fa, alle migliori tavole delle oltre 2000 (e dagli con i numeri!) pubblicate da uno degli autori più fantasiosi che l'italico stivale poteva sfornare, quel Silver che, dopo aver lavorato con Bonvi a personaggi come Cattivik, Sturmtruppen e Nick Carter, si è inventato un micromondo bucolico in cui Alberto, novello principe azzurro, insegue la sua amata gallina Marta cercando di evitare le trappole tesegli dal terribile cane Mosè e le strampalate invenzioni della talpa Enrico. Il tutto, con contorno di tacchini, maiali, paperi, tori, conigli e tanti altri animali che, al confronto, la fattoria di Orwell pare disabitata. Un albo fantastico, impreziosito da un regalo inedito di Silver per i lettori (esperantisti e non), e pubblicato dalla IEJ insieme al CET e ad Edistudio (che lo vendono... giusto perché poi non mi si dica "sì, sì, bello, ma dove posso trovarlo?")

Il secondo è qualcosa di altrettanto speciale: frutto della fervida mente di Davide Osenda, ottimo ragazzo che nasce acquarellista e si trasforma in fumettista, Lasta Lekcio en Gotingeno racconta, appunto, dell'ultima lezione tenuta all'università di Gottinga da un professore al suo unico allievo. Una storia che parla di infiniti, e che porta ai confini ed anche oltre della conoscenza e dell'esistenza umana; una storia raccontata in punta di pennello, a colori, anch'essa impreziosita da qualcosa di speciale: una dissertazione ai limiti tra il cabalistico ed il matematico di Davide Astori. Una storia che Davide Osenda ed il progetto RoMEo hanno deciso di regalarvi: il file, in formato PDF, è scaricabile gratuitamente dal sito del progetto RoMEo, che è sempre http://www.pecorElettriche.it/Esperanto/RoMEo. Nell'attesa che, chissà, magari, il fumetto piaccia talmente tanto che ne venga richiesta una versione anche stampata...

Buone letture, quindi, e non dite che non vi trattiamo bene!

Aldonu vian komenton:

info
info
info
info
captcha

L'esperanto © Itala Esperanto-Federacio. Ĉiuj rajtoj rezervitaj.
FEI - via Villoresi, 38 - 20143 MILANO - Italio - telefono/telekopiilo: +39 02 58100857 - www.esperanto.it